Ecco come beccare e bloccare i furbi che ti copiano i contenuti del tuo sito


copiareHai impiegato mesi e mesi per creare un blog di successo e scopri che ti rubano i contenuti e li ripubblicano senza nemmeno darti “credito”? Ecco tutto ciò che puoi fare per beccarli, bloccarli e per fare in modo che Google la smetta anche di metterli prima di te nei risultati di ricerca.

Per scoprire come indagare, identificare, bloccare e segnalare chi tenta di fare tutto questo senza il tuo consenso, segui questi otto passi per risolvere il problema in modo definitivo.

Passo 1: Utilizza Google Alert

1-uso-google-alert

Utilizza Google Alert per beccare il post o la pagina che ti hanno copiato. I passaggi sono piuttosto semplici. Una volta che hai pubblicato un nuovo articolo, aggiungi il titolo del tuo post nella casella di ricerca.

Ti suggerisco di usare queste opzioni:

  • Tipo di risultato: Tutti. Preleva le informazioni da più canali (blog, news, video, etc.)
  • Frequenza: una volta alla settimana
  • Quantità: tutti i risultati
  • Invio tramite email: puoi scegliere anche di importarli tramite Feed RSS ed aggiungerli al tuo aggregatore

Purtroppo, Google ti segnalerà solo il contenuto che è tra i primi venti risultati. Quindi se il contenuto che ti è stato copiato senza autorizzazione non si posiziona nelle prime due pagine, allora puoi usare gli altri suggerimenti che trovi qui sotto.

Una volta che hai raccolto la lista dei siti che stanno facendo i furbi, puoi cercare i loro indirizzi IP e passare al passo 2.

Passo 2: Blocca i siti che ti copiano i contenuti

2-regola-htaccess

I siti che prelevano contenuti pubblicati su altri blog corrono un forte rischio di essere penalizzati e spazzati via per sempre dai risultati di ricerca. Questa pratica continua ad essere usata, anche se Google ha avvertito più volte che avrebbe preso seri provvedimenti.

Per evitare di farti prelevare i contenuti del tuo blog, puoi agire in questo modo:

  1. cerca l’indirizzo IP del sito come ti ho suggerito al passo uno
  2. blocca il sito incriminato aggiungendo una regola al tuo .htaccess

Questa è la regola da incollare nel tuo file .htaccess (attenzione, l’indirizzo IP è l’url sono solo un esempio. Sostituisci i dati con il sito che vuoi eliminare):

RewriteEngine on
RewriteCond %{REMOTE_ADDR} ^42.54.453.37
RewriteRule ^(.*)$ http://sitocopione.com/feed

Se hai bisogno di ulteriore aiuto o di maggiori informazioni per capire meglio come funziona, dai un’occhiata a questo tutorial sul rewriting per Apache (in inglese).

Passo 3: Chiedi la rimozione dei contenuti a Google

3-rimozione-contenuti-google

Quando scovi siti che ti rubano i contenuti puoi segnalare un reclamo direttamente a Google.

Ecco cosa fare in 4 step:

  • Segnala a Google quali contenuti ti hanno rubato.  Il primo passo da fare è di identificare il contenuto rubato. Se hai parecchi articoli e pagine copiate, questo lavoro potrebbe richiedere molto tempo poiché devi fornire una URL per ogni copia.

Qui trovi un ottimo articolo che ti spiega come usare Google Document per farti risparmiare un sacco di tempo prezioso.

  • Segnala a Google quale sito ti stanno copiando. Dovrai associare il contenuto del tuo sito o blog con le pagine rubate sul sito che sta prelevando il tuo testo.
  • Invia le informazioni di contatto. Informa Google con tutti i tuoi dati per poterti contattare.

Attenzione: Se usi questo trucco per abbattere i tuoi concorrenti e farli scomparire dalle SERP è molto rischioso e potresti anche incorrere in guai giudiziari. Utilizza quindi la segnalazione a Google di contenuto duplicato solo se sei assolutamente certo che il contenuto ti è stato rubato.

Passo 4: Aggiungi molti link nel contenuto dei post che rimandano ad altre pagine del tuo sito

4-copyscape

Creare un buon numero di link interni sul tuo sito/blog non è solo una buona strategia SEO, ma è anche molto utile per ricevere dei backlink da quei siti che ti stanno rubando le tue pagine. Quindi, anche se non riuscissi a fermare i ladri di contenuti, puoi almeno guidare un po di traffico verso il tuo sito.

Passo 5: Usa servizi che scovano i contenuti duplicati

5.copyscape-blographik

Una buona idea può essere quella di utilizzare la versione Premium di Copyscape. Questo ti aiuterà a rintracciare i siti che stanno rubando il contenuto. Se vuoi comunque provare il servizio in versione free, CopyScape ti permette di vedere i primi 10 risultati dei ladri di testo.

Una volta che hai raccolto la lista dei siti copioni, blocca gli indirizzi IP come ti ho mostrato al passo 2 oppure puoi inviare un reclamo DMCA a Google, come suggerito al passo 3.

Passo 6: Usa gli strumenti per webmaster di Google

6-google-webmaster-tools

Hai altre tecniche per trovare i copioni di contenuti andando a controllare gli strumenti per webmaster.

Guarda la sezione “link che rimandano al tuo sito” e cerca i siti che hanno tantissimi link verso il tuo progetto. Seleziona a mano le URL sospette e controlla che tipo di contenuti ti vengono copiati, e se ricevi almeno un link dofollow verso il tuo blog.

Prendi i siti che ti copiano senza citare la fonte, e aggiungili alla tua lista di siti da eliminare. Segui poi i precedenti punti 2 e 3 per fare pulizie.

Passo 7: Controlla i trackback del tuo blog

7.trackback

Se usi WordPress come sistema per gestire il tuo blog, hai la possibilità di ricevere dei trackback. Questi collegamenti di solito sono presenti ai piedi dei tuoi post, e indicano quante persone sono collegate al tuo post.

Leggi i singoli trackback che ricevi, e controllali uno per uno. Qui potresti scoprire alcuni siti che ti copiano i contenuti.

Passo 8: Metti il piè di pagina nel tuo blog

8-yoast-seo-wordpress

Un ottimo modo per ricevere credito per i tuoi post, anche se qualcuno ti sta prendendo i contenuti senza permesso è quello di mettere un piè di pagina in ogni post.

Yoast ha questa utile funzione integrata nel suo plugin SEO per WordPress. Se stai usando un altro plugin o per qualche altra ragione non vuoi usare Yoast, puoi utilizzare il plugin RSS Footer (l’autore è sempre Yoast).

Personalizza il tuo piè di pagina e scrivi una frase del genere:

“Il post [titolo del post] è di proprietà di [il nome del tuo blog]. E’ necessario il consenso per pubblicare questo contenuto altrove.”

Conclusione

Non prendertela se ti rubano i contenuti perchè questo significa che stai facendo un buon lavoro, e gli altri ne approfittano perchè lo reputano una buona risorsa da inserire nei loro siti. Non è certo il modo migliore per ricevere un complimento, ma prendilo come tale.

Tu invece cosa fai per combattere i servizi automatizzati o i siti che ti arraffano i contenuti senza ritegno?

Sei membro del forum? Vuoi scrivere anche tu su COPY Blog gt
Chiedilo a @giorgiotave