The Huffington Post: STOP ai commenti anonimi – È questa la strada del blogging?


Huff-Post

“La libertà d’espressione va data a coloro i quali si battono per le proprie idee, non a quelli che si nascondono dietro l’anonimato. I troll sono sempre più aggressivi, sono arrivati anche a minacce. Abbiamo bisogno di evolvere la piattaforma”.

Così Arianna Huffington su GigaOM. La fondatrice del “The Huffington Post”. Mica roba da poco.

Proprio lei, dunque, ha annunciato che il “The Huffington Post” chiuderà ai commenti anonimi. Non sono abbastanza, quindi, i 40 moderatori che lavorano sui commenti della versione americana. Basta, stop. Ti firmi: commenti. Non lo fai: sei fuori. E sapete che vi dico? Sono d’accordo. La strada, a mio avviso, è questa.

Basta ai commenti anonimi: un’evoluzione naturale per i blog?
I Social Network hanno aiutato nella diffusione di una mentalità nuova: metterci la faccia è la cosa giusta.

Una riflessione breve. Internet oggigiorno è equiparato a un luogo di discussione qualsiasi della vita reale. Vero e proprio, civile e – si spera – costruttivo. E allora niente scuse: metterci la faccia, parola d’ordine. Per un dibattito più corretto tra soggetti riconoscibili, noti e meno noti.

Io sto scrivendo. E firmo. Firma anche tu: dimmi chi sei. Di dibattiti in uno stadio, un soggetto contro 10mila, ne ho visti pochi. Internet – mezzo fantastico perché in grado di generare confronto costante, annullare distanze e creare nuove opportunità di crescita e sviluppo – non è da meno.

Sei d’accordo? E soprattutto: pensi che il pubblico italiano – nel senso più vasto del termine – possa accettare di buon grado?

Che politica stai adottando sul tuo blog in materia di commenti: anonimato o no?

Scritto il


Sei membro del forum? Vuoi scrivere anche tu su COPY Blog gt
Chiedilo a @giorgiotave